PostHeaderIcon Megaparcheggio sotto via Giulia: discutiamone in modo serio

cantieri via giuliaIl Coordinamento residenti città storica apre una pubblica discussione con un Incontro presso il Palazzo della Provincia (via IV Novembre, 119) (sala della Pace)

MARTEDI’ 13 APRILE alle ore 15.30


Il progetto di un Parcheggio interrato a via Giulia (Largo Perosi) approvato dal Comune di Roma nel 2008 e per il quale sono in corso sondaggi preliminari richiesti dalla Sovrintendenza archeologica, suscita nella cittadinanza molti interrogativi e notevoli perplessità. 

                 


Intervengono:
Ing. Paolo Berdini – Urbanistica- Univ. Roma Tor Vergata
Arch. Giorgio Ciucci - Storia dell'Architettura Contemporanea-  Univ. Roma Tre
Ing. Giorgio Croci -Tecnica delle costruzioni- Univ. Roma La Sapienza
Dott. Giuseppe Gisotti – Società Italiana di Geologia Ambientale- Roma 
Arch. Italo Insolera – Urbanistica-  Univ. Venezia e Ginevra
Dott. Paola Loche – Comitato Genitori e studenti Liceo Virgilio - Roma
Arch. Paolo Marconi - Storia dell’architettura e restauro dei monumenti- Univ. RomaTre
Ing. Gianmarco Margaritora - Costruzioni Idrauliche- Univ. Roma La Sapienza
Prof. Daniele Manacorda - Metodologia  e tecnica della ricerca archeologica- Univ. Roma Tre
Arch. Giuseppe Rebecchini - Progettazione architettonica e urbana- Univ. Roma La Sapienza
Arch. Bernardo Rossi Doria –Urbanistica- Univ. Palermo
Avv. Lorenzo Santovincenzo – Coordinamento Residenti città storica - Roma
 
E’ indubbio che l’attuale stato delle aree lungo Via Giulia, poste tra i Lungotevere Sangallo/Tebaldi e Via Banchi Vecchi/Pellegrino, residui di inconsulte demolizioni degli anni Trenta, rappresenti uno dei principali nodi irrisolti del Centro Storico di Roma. La grande ferita,  ancora non risarcita dopo più di settanta anni, ha dato luogo ad un’area ampia che per incuria e abusivismo è divenuta uno spazio estremamente degradato, anacronistico in qualunque contesto urbano, ma in particolar modo nel cuore della Roma rinascimentale.
Oggi, in questa zona, adducendo come motivazione l’emergenza traffico e mobilità, si intende realizzare, a cura di un’impresa privata, un parcheggio sotterraneo che non potrà non avere un fortissimo impatto sul tessuto storico, artistico, archeologico e idrogeologico della zona, la cui progettazione risulta assolutamente inadeguata dal punto di vista tecnico, come evidenziato dalla Valutazione di Impatto Ambientale (Area Difesa suolo, Regione Lazio) ma anche sul piano della sicurezza per gli edifici prospicienti, tra i quali il Liceo Virgilio, non ultimo sul piano della qualità architettonica che verrebbe proposta per la riqualificazione in superficie.
È universalmente noto che Via Giulia è considerata una delle più belle strade del mondo: voluta da Giulio II nel 1508, vi ha messo mano uno stuolo di grandi architetti, da Michelangelo a Borromini, da Sangallo a Maderno, ed accoglie edifici celebri come i palazzi Farnese,  Falconieri, Sacchetti e la Chiesa di S. Giovanni de’ Fiorentini. È una strada alla quale nel suo insieme dovrebbe essere riconosciuto lo status di “monumento”.
A giudizio del Coordinamento residenti città storica progetti di questa portata non possono non essere valutati e discussi con grande attenzione ed essere oggetto di un serio processo partecipativo dei cittadini, come del resto prescrive, in modo vincolante, il Regolamento di partecipazione dei Cittadini alle Trasformazione Urbane di cui alla Delibera 57/2006, qui disatteso; inoltre, devono essere coinvolte le istituzioni territoriali e la comunità scientifica. Non è permesso sbagliare, pena un danno permanente e irreversibile a un patrimonio storico-artistico che diventerebbe oggetto di critica non solo da parte della cultura mondiale, ma anche da parte dei turisti più distratti.